Edizioni precedenti

 

Edizione 2016

BIKE PRIDE 2016: l’Onda Verde di 7000 pedalatori  

Domenica 8 maggio 2016 il Bike Pride ha invaso Il Parco della Montagnola, ormai la casa del Bike Pride; per questo abbiamo voluto dedicare l’edizione 2016 al progetto di riqualificazione del Parco “Rivoluzione Verde”, promosso da Arci e Antoniano. Un’invasione di pianticelle e fiori profumati sulle biciclette di tutta la città si è concentrata alla Montagnola. Alla testa del corteo ha sfilato la diciassettesima edizione di Bimbimbici. Per i 50 anni del Quartiere Pilastro, i tradizionali 10 km di orgogliose pedalate si sono diretti verso lo storico quartiere per poi tornare in centro storico. Inoltre per la prima volta, Bike Pride ha partecipato alle celebrazioni bolognesi per la Festa dell’Europa, promossa promossa dai servizi “Europe Direct” della Regione Emilia Romagna e del Comune di Bologna. 3 km di corteo e una grande festa con concerto finale in Montagnola a cura di Garrincha Dischi.

Edizione 2015

BIKE PRIDE 2015: IN 5000 A PEDALARE CON ORGOGLIO

Domenica 10 maggio 5000 tra bambini, famiglie, ragazzi, persone di ogni età e dimensione hanno pedalato orgogliosamente per i 15 chilometri del Bike Pride sul tema “Un mare di bici”: e insieme a Bimbimbici, Retromarcia (la pedalata vintage promossa da Zoo), Cheap Festival on wheels e i 5 cortei periferici, le bici sono state veramente una marea! Chi è responsabile di tutto questo?
Le 5 associazioni del comitato promotore; le 13 associazioni partner che hanno collaborato all’evento; i 14 sponsor che hanno contribuito a finanziare l’iniziativa; i 20 agenti (anche in bicicletta!) di Polizia Municipale che hanno garantito la sicurezza del corteo; i 50 volontari che hanno allestito e reso possibile la giornata in Montagnola; ma soprattutto i 5000 cittadini bolognesi originali o acquisiti che hanno pedalato orgogliosamente e tutta la Città che ci ha accolto, dalle Istituzioni agli applausi dalle finestre.

Edizione 2014

BIKE PRIDE 2014: ARRIVANO I BARBARI!

L’edizione 2014 si è svolta domenica 11 maggio 2014 con un lunghissimo corteo che ha attraversato la città da Piazza Maggiore, ritrovo di migliaia di ciclisti, e il Parco Parker-Lennon, nel cuore del Quartiere San Donato, con il patrocinio di Comune e Quartiere. La parata dell’orgoglio ciclistico è promossa da una rete di 10 associazioni appartenenti alla Consulta Comunale della Bicicletta (tra cui Salvaiciclisti Bologna, L’Altra Babele, Le Fucine Vulcaniche, Candidamente, Bicibus Caldelara e Il Giardino del Guasto), ma sono più di 20 i soggetti coinvolti provenienti da tutta la Provincia e 40 i volontari a organizzare i laboratori e le feste che hanno coinvolto centinaia di sostenitori. Tema di quest’anno Le Invasioni Barbariche: in tantissimi a munirsi di elmi e finte pellicce, imitando divertiti gli antenati di olandesi e danesi che pedalano forte!

Edizione 2013

BIKE PRIDE 2013: DARWIN IN BICICLETTA

Domenica 12 maggio 2013 è andata in scena nelle strade la quarta edizione di un appuntamento che sta diventando una vera e propria tradizione. In 3000 hanno affollato il corteo che ha sfilato per le strade della città. La manifestazione, patrocinata dal Comune di Bologna, ha coinvolto tantissimi ciclisti urbani che hanno pedalato nel segno dell’orgoglio ciclistico. Il tema di quest’anno è stato quello dell’Evoluzione: dal futuro arrivano alieni, robot e strani animali, tutti rigorosamente in bicicletta. Al Parco Parker-Lennon, spettacoli, musica e intrattenimento, per festeggiare insieme e riunirsi insieme al Quartiere e ai suoi cittadini. Il Bike Pride 2013 è stato promosso dall’Altra Babele, Salvaiciclisti-Bologna, Fucine Vulcaniche e tanti altri, con cortei confluiti da tutta l’area metropolitana: Castenaso, Castelmaggiore, Casalecchio, San Lazzaro e Borgo Panigale.

Edizione 2012

BIKE PRIDE 2012: L’ANNO DEL DRAGONE

Il Bike Pride 2012 apre ufficialmente la stagione dei T-Days, la pedonalizzazione che riporta le persone a camminare e pedalare liberamente in centro storico. Domenica 27 maggio 2012, l’anno del drago nel calendario cinese, la prima grandiosa edizione del Bike Pride organizzato da una rete ormai sterminata: più di settanta volontari hanno contribuito ad organizzare l’evento in sicurezza e allegria, allestendo i carri e assicurando gli attraversamenti delle biciclette negli incroci. Il corteo, esteso per più di un chilometro con circa 2000 partecipanti, si è riversato nell’esaltazione generale per un percorso lungo i viali da Porta Maggiore a Porta Lame, per rientrare tra le mura in Piazza VIII agosto. Nell’anno in cui Bologna è stata anche attraversata dal Giro D’Italia, la malattia della bicicletta prende piede, e sono sempre di più i sostenitori dell’orgoglio ciclistico! Insieme alle associazioni come Fucine Vulcaniche, Salvaiciclisti, Oltre, tantissimi artisti hanno prestato la loro arte per animare il parco all’arrivo, con una grande festa civica partecipata a colorata.

Edizione 2011

BIKE PRIDE 2011: PIRATI AL LIDO DI CASALECCHIO

La seconda edizione del Bike Pride varca il Centro Storico e diventa metropolitano! L’appuntamento al Parco della Montagnola è domenica 8 maggio: 800 ciclisti orgogliosi hanno pedalato fino al Blogos, centro culturale lungo il fiume Reno nel Comune di Casalecchio. Il tema di quest’anno è quello dei pirati, per travestire persone e biciclette in un clima divertente e accompagnato da musica e attività ludiche. Il Bike Pride si conferma un appuntamento pieno di energia e voglia di condivisione delle strade tra le associazioni del territorio: L’Altra Babele, Borgo Mondo, Le Fucine Vulcaniche, Oltre, Sindacato degli Universitari, Tambaba e Blogos. Animazione per bambini, musica e colori all’arrivo rendono tutto più bello e colorato!

BIKE PRIDE 2010: LA PRIMA EDIZIONE

Domenica 9 maggio 2010, in occasione della Giornata nazionale della bicicletta indetta dal Ministero dell’Ambiente, L’Altra Babele propone un evento di partecipazione popolare: il primo “Bike Pride Bologna”, promosso e sostenuto dal Comune di Bologna.
L’evento è l’occasione per chiudere per un giorno le strade del centro storico alle macchine ed aprirle alle biciclette, per rivendicare una città sempre più a misura di ciclista, in modo festoso, colorato e pacifico. La parata è aperta a tutti, e si rivolge prima di tutto alle associazioni di promozione sociale e culturale, ai gruppi di cicloamatori, alle compagnie teatrali e bande musicali di strada, agli assistenti civici: insomma a tutti coloro che vogliano promuovere un’idea di mobilità sostenibile e di socialità urbana.
La prima edizione vede un grande corteo carnevalesco di circa 300 persone da Piazza Maggiore attraverso alcune strade del Centro Storico. La parata è animata da pedoni, ciclisti, skaters e trampoli, singoli e in gruppi organizzati con alcune fermate, per dar modo agli artisti di esibirsi, mentre i gruppi in bicicletta fanno da apripista. Scopriamo una bellissima festa.

minchia